Da un apostata Marocchino in Olanda

inviato da A.H.K.

Sono Olandese. Ho lasciato l’Islam e voglio condividere la mia storia con voi e con gli altri apostati. Vengo dal Marocco, e come molti Marocchini sono emigrato in Olanda. Un tempo ero un Musulmano molto appassionato ma alcuni anni fa ho cominciato a pormi delle domande riguardo all’Islam.

Anche in passato avevo trovato molte contraddizioni nel Corano, ma ero cieco e decisi di non pensarci.

Più tardi incontrai una donna Olandese, e fu amore a prima vista. Lei era femminista, e stranamente acconsentii a tollerare questo aspetto di lei. Ma io amavo la sua intelligenza e la sua stima di sé. Non volevo avere quattro mogli perché amo una donna sola. Presto diventai aperto alla patità dei sessi io stesso! Ma a quell’epoca ancora non avevo lasciato l’Islam perché i miei genitori mi hanno detto che l’Islam è una religione femminista (che stupidaggine). In seguito mia moglie è rimasta incinta. Mio padre mi ha detto che dovevo proibirle di lavorare. Ma come avrei potuto? Lei è un essere umano indipendente. Lei non voleva interrompere la sua carriera. Mio padre mi ha detto che io sono il capo famiglia e che potevo chiederle qualunque cosa. Io gli ho detto che noi siamo uguali. Lui mi ha dato del pazzo. Ma anche allora non ho lasciato l’Islam.

Quindi nacque mia figlia. Mio padre mi ha detto che non avrei dovuto parlare a mia moglie per alcune settimane. Ero stupefatto. Ho guardato il volto di mia figlia e mi sono promesso che non avrebbe mai sofferto come le altre Muslimah [donne musulmane]. Lei sarà indipendente e autosufficiente come sua madre. Ho lasciato l’Islam il giorno stesso in cui è nata mia figlia.

Poco dopo l’Olanda rimase impietrita nel sentire le ultime notizie. L’omicidio di Theo Van Gogh era sulla bocca di tutti. Io sapevo, che qualcosa del genere sarebbe accaduta. Se sai quello che gli Imam predicano nelle moschee Olandesi, capisci che non c’è niente di strano nell’omicidio di questo povero regista.

Sono scappato con mia moglie e mia figlia e ora ci nascondiamo a The Hague.

Mia moglie guadagna più di me, ma la mia stima non ne è danneggiata. Lei vuole avere una carriera e io la supporto. Non avremo altri figli perché lei è una donna impegnata e io non voglio farne una macchina da riproduzione. Abbiamo una balia. Amo mia figlia e non sono dispiaciuto nel non avere un figlio maschio.

P.S.: Volevo scrivere alcuni versi dal Corano che mi hanno fatto ragionare sull’Islam ma non ho tempo. Sapete com’è… una figlia piccola, moglie e lavoro 🙂

Se chi mi legge è un padre capirà perché ho deciso di unirmi contro i Musulmani.

Sono un pò nervoso di scrivere questa testimonianza perché mio padre stesso vuole vedermi morto. Ma è molto importante. Il mondo intero deve conoscere la verità sull’Islam.

A.H.K.

One thought on “Da un apostata Marocchino in Olanda

Lascia un commento

*