Un’utile rivelazione di Maometto per scagionarsi dall’accusa di plagio

Quale era il metodo adottato dal RAZZISTA Maometto nel dare una parvenza religiosa al sistema ideologico da lui fondato?
Semplice, assorbendo tutte le storie che ascoltava e facendole proprie. Tranquilli però, giunge Allah a dirci che Maometto è “Tutto orecchi per il nostro bene”.

Lo riferisce un certo Nabtal (bin Al Harith), un robusto uomo nero e che il razzista Maometto equiparò a Satana dal punto di vista dell’aspetto.
Nabtal aveva fatto presente come Maometto fosse particolarmente propenso a credere a tutte le storie che ascoltava, dicendo che Maometto era “tutto orecchi”.
Questa definizione iniziò a diffondersi nella comunità, tuttavia non c’è nulla da temere, perché Maometto risolse l’imbarazzo del “soprannome” attraverso una bella “rivelazione”, eccola qua:

“Tra loro ci sono quelli che dileggiano il Profeta e dicono: «È TUTTO ORECCHI».
Di’: «È tutto orecchi per il vostro bene, crede in Allah e ha fiducia nei credenti, ed è una [testimonianza di] misericordia per coloro fra voi che credono. Quelli che tormentano il Messaggero di Allah avranno doloroso castigo”. (Corano 9:61)