Nessuna dignità per chi non crede nell’islam

Quale motivazione ideologica determina l’oppressione delle minoranze in un paese a maggioranza islamica o la dissimulazione quando invece sono i miscredenti ad essere in maggioranza?

Soffermiamoci semplicemente su come vengono classificati i cosiddetti MISCREDENTI.

Il Corano è molto chiaro su come debbano essere considerati tutti coloro che non seguono l’Islam e lo ribadisce diverse volte con frasi chiare e semplici come nel versetto 8:55.
Tutti quelli che non credono ad Allah sono bestie (الدَّوَابِّ – Al ddawabbi) della peggior specie a cui non va riservato il minimo rispetto proprio perché davanti ad Allah non contano niente.
Lo dice Allah:

corano 8 55 infedeli bestie
Corano 8:55

Bisogna fare attenzione anche al fatto che molti traduttori tendono a nascondere l’esatto significato poco decoroso dei messaggi di Allah, ed infatti, come vediamo dall’immagine sopra, traducono الدواب in creatura quando invece l’originale arabo è più diretto e crudo e letteralmente significa “bestie”. Infatti (dawab )دواب è il plurale di (dabba) دابة che significa bestia, in senso come spregiativo.

Le peggiori bestie, ovvero chi non comprende il chiaro messaggio di Allah. Corano 8:22:

corano 8 22 infedeli bestie
Corano 8:22


Allah/Maometto non lascia nulla di intentato anche per quanto riguarda gli infedeli e la loro assoluta mancanza di dignità.
Per lui è infatti necessario che il concetto entri ben bene nella testa di chi si sottomette al suo volere, quindi vale la pena di ribadirlo CON CHIAREZZA più e più volte nel Corano.