Taqiyya, camuffare il significato violento dei versetti

 

Taqiyya
Dopo aver visto nel precedente post quali siano i pericolosi precetti che potrebbero essere usati per compiere proselitismo islamico, vediamo ora in che modo queste tecniche di turlupinatura e di raggiro vengano effettivamente messe in atto.
Come abbiamo spiegato in questo articolo, uno dei modi per attuare la dottrina islamica della taqiyya (dissimulazione), è quello di proporre fuori dal contesto alcune parole del Corano come prova inconfutabile della sua natura pacifica. E’ il caso clamoroso, per esempio, della Sura 5 versetto 32 (anche questo copiato da un testo più antico, per l’esattezza il Mishnah, IV capitolo, testo fondante dell’ebraismo). I musulmani, per dimostrare che l’Islam é una religione di pace, che rispetta la vita umana di chiunque, sono soliti citare questo veretto, ma a modo loro. Ovvero decontestualizzandolo e “tagliuzzandolo”, trasformandolo cosí:

«Chi uccide una persona è come se avesse ucciso l’intera umanità, e chi salva la vita di una persona è come se avesse salvato tutta l’umanità».

Cosí come viene proposto, il versetto 5:32 contiene un insegnamento molto positivo. Peccato che se letto nella giusta maniera, ovvero per intero e all’interno delle parole precedenti e successive, l’insegnamento prescritto sia tutt’altro che positivo:

«Per questo abbiamo prescritto ai Figli di Israele che chiunque uccida un uomo che non abbia ucciso a sua volta o che non abbia sparso la corruzione sulla terra, sarà come se avesse ucciso l’umanità intera. E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l’umanità. I Nostri messaggeri sono venuti a loro con le prove! Eppure molti di loro commisero eccessi sulla terra. La ricompensa di coloro che fanno la guerra ad Allah e al Suo Messaggero e che seminano la corruzione sulla terra è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti o che siano esiliati sulla terra: ecco l’ignominia che li toccherà in questa vita; nell’altra vita avranno castigo immenso» (5:32-33).

Come vediamo in quel versetto non si prescrive affatto il rispetto incondizionato della vita umana.

Come spiega Magdi Allam in un suo articolo, in questi due versetti coranici si specifica che:

1) La prescrizione concernente la sacralità della vita riguarda i “figli di Israele”, gli ebrei, non i musulmani.
2) La condanna dell’uccisione del prossimo non è assoluta. Uccidere il prossimo è legittimato se esso ha ucciso o ha “sparso la corruzione sulla terra”.
3) I “figli di Israele”, gli ebrei, sono condannati perché “molti di loro commisero degli eccessi sulla terra”.
4) La condanna per chi non crede e fa la guerra ad Allah e a Maometto, che seminano la corruzione sulla terra, “è che siano uccisi o crocifissi, che siano loro tagliate la mano e la gamba da lati opposti”.

Questo brano sta solo dicendo che cosa bisogna fare ai Giudei che rifiutano Maometto, non sta prescrivendo principi di alta moralità. Ben lontani dal condannare la violenza, questi versetti, che invece arrivano persino a prescriverla, evidenziano che chiunque si opporrà al Profeta sarà ucciso, crocifisso, mutilato o esiliato!”.

Anche fosse però dimostrato – e non lo è – che il versetto in questione sia sul serio un inno “tutta l’umanità”, resterebbe da capire come mai questo dovrebbe, per l’Islam, contare più di altri come «Uccidete gli infedeli ovunque li incontriate. Questa è la ricompensa dei miscredenti» (2:191) o «Vi è stato ordinato di combattere, anche se non lo gradite» (2:216).

Come vediamo nel Corano esiste uno standard per i musulmani e un altro per i non-musulmani. Se il Corano decreta infatti che «Il credente non deve uccidere il credente, se non per errore» (4:96), nulla del genere riguarda gli infedeli.

Un altro esempio di taqiyya attraverso il camuffamento dei versetti, è il seguente.

Anche in questo caso i musulmani estrapolano una frase da un versetto per far apparire pacifico il Corano.

Troverai che i più acerrimi nemici dei credenti sono i Giudei e politeisti e troverai che i più prossimi all’amore per i credenti sono coloro che dicono: « In verità siamo nazareni», perché tra loro ci sono uomini dediti allo studio e monaci che non hanno alcuna superbia. (5:82)

A parte i poco lusinghieri giudizi sugli Ebrei, appena prima maledetti anche da Davide e Gesù per la loro empietà (5:78), sembra che ci sia motivo di rallegrarsi per i Cristiani: possiamo convivere coi fratelli Musulmani, in fin dei conti il Corano insegna loro ad amarci!

Ma attenzione!

Il versetto 82, va letto insieme al seguito, i Versetti 83 e 84; ne risulta questo:

82 Troverai che i più acerrimi nemici dei credenti sono i Giudei e politeisti e troverai che i più prossimi all’amore per i credenti sono coloro che dicono: « In verità siamo nazareni», perché tra loro ci sono uomini dediti allo studio e monaci che non hanno alcuna superbia.

83 Quando sentono quello che è sceso sul Messaggero, vedrai i loro occhi versare lacrime per la verità che vi hanno riconosciuto. Dicono: « O nostro Signore, noi crediamo: annoveraci tra i testimoni!

84 Come potremmo non credere in Allah e in quella parte della verità che ci è giunta, quando bramiamo che il nostro Signore ci introduca in compagnia dei devoti? ».

Quindi, questo versetto non si riferisce a tutti i Cristiani, ma solo a quelli che accettano l’Islam; questo è chiaramente spiegato dai Versetti 83 e 84 nei quali questi Cristiani accettano il messaggio di Maometto.

Va ricordato inoltre che i Cristiani che non accettano l’Islam sono come gli Ebrei: nemici di Allah e del suo Messaggero, con i quali non bisognerebbe fare amicizia ma che dovrebbero essere uccisi ovunque si trovino: http://islamicamentando.altervista.org/gli-insegnamenti-corano-sunna/#paragrafo3

5 commenti su “Taqiyya, camuffare il significato violento dei versetti

  1. Pingback: Solo 8 mesi fa Bergoglio si prostrava in moschea: “Tra cristiani e musulmani siamo fratelli” – Notizie 24h

  2. Pingback: Totus tuus network: Invasione islamica: mentirci non è peccato (per loro) - La buona Novella

  3. Pingback: Bergoglio Papa si prostrava in moschea: “Tra cristiani e musulmani siamo fratelli” - curiosandoonline

  4. Pingback: Papa Bergoglio si prostrava in moschea: “Tra cristiani e musulmani siano fratelli” - curiosandoonline

  5. caerlo il said:

    TUTTE LE DIFFERENZE TRA PAPA BENEDETTO XVI E PAPA FRANCESCO DETTO BERGOGLIO

    PAPA FRANCESCO IN UNA FRASE SOLA RAPPRESENTA TUTTO IL SUO PONTIFICATO: VOLEMOSE BEN E CON UN PACCA SULLA SPALLA CONTINUATE COSI’.: CREDE NELL’UOMO E NELLE SUE CAPACITA’ INDIPENDENTEMENTE CHE RICONOSCA DIO-GESU’ TUTTI VANNO IN PARADISO A PRESCINDERE. LA VIRTU’ ED IL VIZIO SONO LA STESSA COSA ECCO PERCHE’ DICE CHE IL BENE ED IL MALE SONO COSE PERSONALI ECCO PERCHE’

    LESBICHE GAY ISLAM DITTAURE DA PARTE DI UNA PARTE SOLA RISPONDE SEMPRE:” .VI BENEDICO E CONTINUARTE COSI’..”.E ANCORA: CHI SONO IO PER GIUDICARE? E ANCORA: IL BENE ED IL MALE SONO COSE INDIVIDUALI.OSSIA LASCIA QUINDI ALLA TOTALE FACOLTA’ MENTALE DELL’INDIVIDUO CON LE SUE FACOLTA’ CHE POSSA DECIDERE CIO’ CHE E’ BENE E CIO’ CHE E’ MALE INDIPENDENTEMENTE DAI COMANDI DI DIO, POICHE’ SONO SOSTITUITI CON LA SOLA AFFERMAZIONE DI GESU’ COME PIU’ SPESSO HA RIBADITO :AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO…SENZA CONSIDERARE CHE GESU’ STESSO HA DETTO CHE IL PRIMO ED UNICO COMANDAMENTO E’ AMA DIO IN TUTTO E PER TUTTO CON ANIMA E CORPO…ED IL SECONDO E’ SIMILE NON UGUALE E NEMMNNO SOSTUIBILE AL PRIMO…MA PER BERGOGLIO QUESTO CONTA POCHISSIMO ANZI NIENTE…..TERRA LAVORO E E CAMPI PER TUTTI QUINDI L’UOMO PRIMA DI TUTTO. L’ABOLIZIONE DELLA PENA DI MORTE SOLO DA PARTE DEI PAESI OCCIDENTALI…NESSUN RIFERIMENTO SE NON DOPO UN ANNO PER IL GIUBILEO ESTESO IL BLOCCO ANCHE A TUTTI GLIALTRI PAESI CHE LA PRATICANO DA SEMPRE QUINDI A TUTTE LE NAZIONI COME DIRE….IO SO GIA’ COSA DICO MA SE VOI NON LO CAPITE ANCORA IO PROSEGUO COSI’…BACIARE GESU’ INCHIODATO ALLA FALCE ED IL MARTELLO CONSIDERA DIO COME UN OGGETTO CHE L’UOMO PUO’ FARE CIO’ CHE VUOLE QUINDI PRIMA RIMANE SEMPRE DIO.E NEL VIAGGIO DI RITORNIO ALLA DOMANDA SE ERA COMUNISTA HA RISPOSTO CHE E’ VANGELO OSSIA L’UOMO PRIMA DI TUTTO ATEO E PAGANO VIENE PRIMA…E NON SOLO ALLA DOMANDA SE LO AVREBBE RIFATTO HA RISPOSTO CHE LO AVREBBE RIFATTO…..QUESTO PAPA SULLA ASSOLUTA AUTIOSUFFICIENZA DELL’UOMO NE E’ CERTO…DIO INVECE NO. LASCIAR FARE QUINDI SIGNIFICA FAR CONTINUARE L’ECCIDIO DEI CRISTIANI PUR DI NON AGIRE PUR DI NON PROTEGGERLI POICHE’ SIGNIFICA GIUDICARE PRENDERNE ATTO E METTERSI DI FRONTE AD UN FATTO COPMPIUTO CHE LUI NON VUOLE VEDERE E NEMMNO DARE UNA RISPOSTA. LEICITA’ QUINDIA TUTTI DI FARE CIO’ CHE VOGLIONO CON LA PROMESSA CHE E’ VOLERE DI DIO PER MISERICORDIA….E QUESTO E’ SEMPLICEMENTE SPAVENTOSO…

    NON ESISTE LA PROVVIDENZA DI DIO ESISTE L’UOMO CON LA SUA VOLONTA’ DI FARE O MENO LE COSE. HA UNA TALE PAURA DEL GIUDIZIO DI DIO NELL’ULTIMO GIORNO DA ESCLUDERLA COMPLETAMENTE IN OGNI SUA PREDICA: L’INFERMNO E’ UN’ALLEGORIA IL GIUDIZIO DI DIO E’ SOTITUITO COMPLETAMENTE DALLA SUA MISERICORDIA DIMENTICANDO SOLO CHE L’UOMO E’ NATO LIBERO E SOLO A LUI SPETTA LA DECISIONE DI DANNARSI O MENO..CON QUESTO PAPA INVECE CHIUNQUE E DOVUNQUE ANCHE SE NON VUOLE DEVE ANDARE IN PARADISO OSSIA MANCA COMPLETAMENTE DELLALIBERTA’ AFFIDATA A DIO ANZI SI SOSTITUISCE A LUI…E COSI’ PIACE AL MONDO.MODERNO…PAPA: ANCHE GLI ATEI VANNO IN PARADISO EPRCHE’ CREDONO IN QUALCHE COSA INDIPENDENTEMENTE DA COSA…ANCHE SWE CONSIDERANO COME DIO FOSSE DOVUTO NON ALLA FEDE MA A PROPRIA IMMAGINE .(L’UOMO SA SEMPRE TUTTO.) DA QUI RISULTA ANCHE NESSUNA DIFFERENZA TRA ALLAH E DIO DIO SI MANIFESTA ANCHE TRAMITE ALLAH INDIPENDENTEMENTE SE HA GIA’ DETTO CHE GLI EBREI ED I CRISTIANI SONO CARNE DA MACELLO DA SSOGETTARE E BASTA E MAI DA TRATTARE COME AMICI ANZI….IL PARADISO DI ALLAH UN VERO BORDELLO A CIELO APERTO CON OGNI DESCRIZIONE SUL SESSOE CON OGNI TIPO DI DEPRAVAZIONE QUINDI DIVENTA ANCHE IL NOSTRO , PER QUESTO PAPA NON CI SONO DIFFERENZE ALCUNA E ALCUNA VERRA’ FATTA NOTARE.COME DEL RESEDOTY CONTIUANA AD OMETTERE..PER OMERTA’…ECCO EPRCHE’ LORO POSSONO NELLE NOSTRE CHIEDE LEGGERE IL CORANO MA NOI NO NELLE VARIE MOSCHEE ….. CHIARA SUPREMAZIA DI UN NON DIO NELLA VITA CATTOLICA CHE SCONCERTA DIO STESSO…ECCO PERCHE’ QUESTO PAPA A DISPETTO DI GESU’ VIENE ELOGIATO DA TUTTI GLI ATEI ,DALL’ISLAM E DA OGNI PERSONA CHE NON CREDE IN GESU’ CRISTO. GESU’ INVECE FU DERISO CALUNNIATO FLAGELLATO E CONDANNATO A MORTE PUR AVENDO FATTO DEL BENE E AVER PROCLAMATO IL REGNO DI DIO OVUNQUE CON FATTI MIRACOLOSI E RISUSCITANDO I MORTI…UNICO CHE LO PUO’ FARE NON E’ L’UOMO MA LA VITA VIENE DA DIO UNO E TRINO IN PADRE FIGLIO E SPRITO SANTO. PER QUESTO PAPA L’EUROPA NON E’ NATA SU BASI DEL CRISTINESIMO MA SULLA BASE DI TUTTE LE RELIGIONI MULTICULTURALISMO….ALTRA BUGIA PER NON DIFENDERE NEMMENO LA STORIA. SAN FRANCESCO ANDO’ DAL SULTANO Dì’EGITTO PER CONVERTIRLO E NON FUI UCCISO MA RICONOSCUTO COME UNS ANTO DA DIO CONQ EUSTO PAPA INVECE SI SCAMBIA PER BENE CIO’ CHE PER L’ISLAM E’ SEMPLICEMNTE TERRA DI CONQUISTA INFATTI QUESTO PAPA NON OSA E NON HA OSATO MAI CHIEDERE CHE ALLAH ELIMINI I TANTIO VERSETTI IN CUI SI INCITA ALLA GUERRA SI INCITA AD UCCISDERE LGI INFEDELI SI INCITA A PROCLAMARE SOLO ED UNICAMENTE ALLAH…..A CUI TUTTI SI DEVONO SOTTOMETTERE. IL DIO DI ISACCO DI GIACOBBE E DI GESU’ NON E’ IL DIO ALLAH E ALLORA PERCHE’ CHIEDER A TUTTI DI OSANNARLO COME NOSTRO DIO? PAPA FRANCESCO NO AL PROSELITISMO..OSSIA NO ALLA CONVERSIONE DI NESSUNO……SENZA RICONSOCERE CHE CON QUESTO TERMINE GIA’ L’ISLAM OGNI CRISTIANO INDIPENDENTEMENTE BASTA CHE SIA CRISTIANO VIENE ASSURDAMENTE INCOLPATO ED UCCISO SOLO PERCHE’ CRISTIANO…I CRISTINAI COGGI HANNO BISOGNIO DI ESSERE TUTELATI E NON DI SENTIRE UN PAPA CHE FUGGE DAI SUOI DOVERI DI PONETFICE PER COMPIACERE AL MONDO—E AD ALLAH PER LA PAURA CHE SUSCITA..OSSIA QUESTA NON E’ FEDE E’ QUALCHECOSA D’ALTRO…..E’ SEMPLICEMEMNTE CODARDIA VERSO IL PROPRIO DIO ED I SUOI ISEGNAMENTI DEI DIECI COMANDAMENTI CHE GUARDA CASO QUESTO PAPA NON LI CITA MAI..

    Allah ama coloro che “combattono per la Sua causa” [Sura 6:13]. Chiunque combatta contro Allah o rinunci all’Islam per abbracciare un’altra religione deve essere “messo a morte o crocifisso o mani e piedi siano amputati da parti opposte” [Sura 5:34]
    “Chiunque abiuri la sua religione islamica, uccidetelo”. [Sahih Al-Bukhari 9:57]
    “Assassinate gli idolatri ogni dove li troviate, prendeteli prigionieri e assediateli e attendeteli in ogni imboscata” [Sura 9:5]
    Forse già conoscete questa “O voi che credete! Non abbiate amici tra gli Ebrei ed i Cristiani” [al-Ma’idah 5:51.11].

    IMMIGRATI TUTTI ISLAMICI: IL PAPA ACCOGLIERE TUTTI E SOPRATUTTO A BENE VEDERE CHE FACCIANO QUELLOC HE VOGLIONO L’IMPORTANTE E’ SFAMARLI……NON E’ COSI’ POCHE’ I PRINCIPI CHE HANNO NON SONO E NON SERVONO ALLA CONVIVENZA E NEMMNO PER L’ACQUISIZIONE DI ALTRE CULTURE TANTO MENO QUELLE CRISTIANE O DELLE LEGGI OCCIDENTALI CONSIDRATE BLASFEME….E DA SEMPRE RIFIUTATE….NON PUO’ ESSERCI UN PAPA PIU’ SPROVVEDUTO DI QUESTO O PER IGNORANZA O PER PIACERE AL MONDO O PER ENTRAMBE LE COSE…..DIRECI CHE L’ULTIMA E’ LA PIU’ VERITIERA.

    PAPA BENEDETTO XVI ASSIEME A TUTTI I SANTI:

    HA PARLATO SEMPRE CHIARO :DIO VIENE PRIMA DI TUTTO, E TUTTO E’ DOVUTO ALLA SUA PROVVIDENZA VEDI OGNI OPERA E MIRACOLI FATTI IN SUO UNICO NOME SANTO ,DA PARTE DI PADRE PIO E DI MADRE TERESA DI CALCUTTA E SAN GIOVANNI BOSCO E TUTTI I SANTI CHE HANNO VERAMENTE CREDUTO IN LUI SENZA UN SOLDO HANNO OTTENUTO OGNI COSA :CHIEDETE E VI SARA’ DATO BUSSATE E VI SARA’ APERTO SEMPRE CONFORME ALLA VOLONTA’ DI DIO E NON DELL’UOMO CHE E’ SEMPRE UN PECCATORE. MADRE TERESA OSAVA DIRE. NOI SIAMO DEI FILI GRANDI PICCOLI BRUTTI O VECCHI MA DEI FILI SU CUI PASSA LA CORRENTE DI DIO SE LA SI VUOLE E DA LI SI ESPANDE IN TUTTO IL MONDO MA LA CORRENTE E’ DIO NON L’UOMO……….L’UOMO DEVE SOLO ABBANDONARSI A LUI ..E QUESTA E’ LA FEDE. IO SONO LA VIA LA VERITA’ E LA VITA…..NESSUN ALLAH HA MAI DETTO QUESTE COSE E TANTO MENO L’UOMO. IL PAPA BENEDETTO HA SEMPRE FATTO LA DIFFERENZA TRA LE VIRTU’ ED IL VIZIO E PER QUESTO IL MONDO NON LO VUOLE E LO HA FATTO DIMETTERE. QUESTO PAPA HA PASSATO LA GUERRA MONDIALE COME WOITIWA E SA COSA SIGNIFICA PACE AMORE VERO .MADRE TERESA DI CALCUTTA OSO’ DIRE IN UN SUO LIBRO: ALLA DOMANDA MADRE DOBBIAMO AMARE TANTO. LEI RISPOSE : ” IL TERMINE AMORE E’ ABUSATO COSI’ IO AMO TE MA PRENDO DA TE ANCHE QUELLO CHE NON MI E’ PERMESSO PRENDERE , IL TERMINE AMORE E’ TANTO INCOMPRESO QUANTO MALTRATTATO. ANCHE PER BENEDETTO QUINDI L’AMORE NON E’ DIPESO DALL’UOMO MA DA DIO DA CUI DERIVANO TUTTE LE GRAZIE E POI L’UOMO PUO’ PORTARLO AGLI ALTRI TRAMITE LA LUCE CHE VIENE SEMPRE DALLO SPIRITO SANTO E NON DALLA RAGIONE .( VEDI BATTESIMO DI GESU’ NEL GIORDANO E LA VOCE DI DIO:QEUATI E’ IL MIO FIGLIO ASCOLTATELO).LE DIFFERENZE TRA ISLAM E CRISTIANI SONO MESSE IN EVIDENZA DA PAPA BENEDETTO OSSIA NO ALL’IMPOSIZIONE CON LA FORZA MA LA CONDUZIONE DI UNA SOVRANITA’ COME LA VIRTU’ E NON CON IL VIZIO .PAPA BENEDETTO HA DETTO: CHIARAMENTE ALL’ISLAM COME FECE SAN GIOVANNI BOSCO ANCORA PIU’ CHIARAMENTE CHE MAOMETTO NON E’ UN PROFETA E CHE LE COSE DI ALLAH SONO PER IL MONDO NON PER LO SPIRITO DI DIO…….ALLA ADULTERA GESU’ RISPOSE NEMMNO IO TI CONDANNO MA VA’ E NON PECCARE PIU’…NON DISSE VA TI BENEDICO E CONTINUA COSI’….COSA CHE PAPA FRANCESCO VOLUTAMENTE NON HA MAI DETTO QUANDO RIEPTEVA QUESTA PARABOLA DI GESU’..MAI LO HA FATTO MA ORA SAPPIAMO ANCHE IL PERCHE’. PER BENEDTTO L’EUROPA E’ NATA SU VALORI CRISTIANI COSI’ COME E’ VERO LO FU ANCHE SULLE REGOLE DELL’INDIPENDENZA AMERICANA SULLA LEGISLAZIONE AMERICANA SUI DIRITTI DELL’UOMO BASATI TUTTI SULLA FEDE IN GESU’ CRISTO NOSTRO SIGNORE E SUL VANGELO E IN NESSUN ALTRO DIO. NEGARE ANCHE QUESTO E’ PURA E SEMPLICE ASSURDITA’ RESA PERO’ FELICE DA TUTTE LE TV E GIORNALISTI ATEI ESALTATORI DI QUESTO PAPA…
    Dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti d’America

    Nella prima parte vi sono alcuni riferimenti ai principi illuministici e giusnaturalisti, tra cui il riferimento alla “legge naturale e divina” e al principio dell’uguaglianza: “Tutti gli uomini sono stati creati uguali”, e subito dopo il riferimento ai “diritti inalienabili”. Come dire che ogni forma che contrasta tali inalienabili diritti va’ contor il popolo sovrano..e quindi perche’ ammettere l’islam che si consoce benissimo che prima viene allah e poi se avanza qualche cosa delgi altri?..L’ALTRO IN ALLAH NON ESISTE ESISTONO SOLO I MUSULMANI..E QUESTO NON VA’0 AFFATTO BENE,…QUINDI STO’ PAPA FRANCESCO IMPEDISCE A TUTTI GLI EFFETTI CON L’ACCETTAZIOONE INDISCRIMINATA ED INDISCUSSA DELL’ALTRO ANCHE SE CONOSCIUTO OGNI SUO ABUSO SULLA LIBERTA’ DELGI ALTRI E DEI POPOLI CONSEGNA COSI’ OGNI ABUSO CHE ESSO COMPORTA ANCHE A SPESE E SOPPRIMENDO LO STESSO DIRITTO CHE INTENDE SOLO A PAROLE TUTELARE.OSSIA LA LIBERTA’ DI GONI POPOLOAD ESISTERE…CIO’ CHE NON LO E’ PER IL CORANO SE NOPON PER SOTTOMISSIONE VIOLENTA O FORZATA…

    Circa gli infedeli (coloro che non si sottomettono all’Islam), costoro sono “gli inveterati nemici” dei musulmani [Sura 4:101]. I musulmani devono “arrestarli, assediarli e preparare imboscate in ogni dove” [Sura 9:95]. I musulmani devono anche “ circondarli e metterli a morte ovunque li troviate, uccideteli ogni dove li troviate, cercate i nemici dell’Islam senza sosta” [Sura 4:90]. “Combatteteli finché l’Islam non regni sovrano” [Sura 2:193]. “tagliate loro le mani e la punta delle loro dita” [Sura 8:12]
    “Sappiate che il paradiso giace sotto l’ombra delle spade” [Sahlih al-Bukhari Vol 4 p55]

    Secondo la taqiyya, ai musulmani viene concessa la possibilità di infiltrarsi nel Dar-al-Harb (la “casa della guerra”, ovvero i territori non islamici), fingendosi moderati per insediarsi nelle città e nei luoghi vitali dei nemici, al fine di aprire la strada all’islam. I dissimulatori agiscono spesso per conto delle autorità musulmane, e di conseguenza non sono da considerarsi apostati o nemici dell’ortodossia islamica.

    I dissimulatori sono legittimi mujaheddin, la cui missione è quella di fiaccare la resistenza del nemico e il suo livello di mobilitazione. Uno dei principali obiettivi è quello di causare divisioni tra gli avversari, sminuendo le responsabilità dell’islam (“Oh, ma io non sono religioso”, “Ma quello non è il vero islam, ti stai sbagliando, c’è così tanta disinformazione”, “oh, ma quella è un’interpretazione sbagliata”, “fratello, l’islam significa pace, amore”,E SONO TUTTE BALLE CONSENTITE PUR DI CONVERTIRE…E NOI NON RIUSCIAMO E QUESTO PAPA NON LO VUOLE NEMMENO CHE SI FACCIA FAR VALERE LA NOSTRA FEDE NEI DIVINI COMANDAMENTI DI DIO: NON DIRE FALSA TESTIMONIANZA O NELL OPERE DI MISERICORDAI SPIRITUALI SE UNO PECCA FORTEMENTE E VOLUTAMENTE ANCHE NEL NOME DI UN DIO CHE NON E’ DIO?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.